EDUCATORE IN COMUNITÀ ADULTI
IN COSA CONSISTE

Le comunità per adulti sono strutture diurne o residenziali, che possono ospitare persone con disabilità, con dipendenze da alcol, da sostanze o da gioco, in misure alternative alla detenzione, pazienti in trattamento psichiatrico, migranti, richiedenti asilo o rifugiati.
L'educatore professionale all'interno di queste realtà aiuta persone in difficoltà a perseguire l'obiettivo del reinserimento sociale, definendo interventi rispondenti ai loro bisogni attraverso lo sviluppo dell'autonomia, delle potenzialità individuali e delle capacità socio-relazionali.
Come educatore esterno posso collaborare con l'équipe educativa, che condivide la quotidianità con gli ospiti, proponendo specifiche attività laboratoriali, nel rispetto delle loro differenti inclinazioni e attitudini.

COSA POSSO FARE


  • Redazione di un giornalino periodico, in cui gli ospiti possono esplicitare i pensieri ed esperienze connesse alla loro permanenza in comunità, ma anche per “dare voce” a tutti coloro che fanno parte dell'ambiente (operatori, collaboratori, volontari, ex ospiti, etc.), trattando svariati argomenti come tematiche di attualità, tecnologia, musica, sport, poesie, ricette, promozione di eventi, etc. Oltre ad essere un valido strumento educativo, il giornalino aiuta chi lo redige a sviluppare il senso critico e ad acquisire maggiori competenze relative al linguaggio;
  • laboratorio di espressione teatrale (anche con ideazione di scenette e stesura di copioni inediti). Il percorso offre ai partecipanti la possibilità di essere maggiormente consapevoli delle proprie emozioni, di cogliere le sfumature che la libera espressività ha in ogni individuo, di scoprire il valore della diversità e delle potenzialità insite in ciascuno;
  • laboratorio di espressione musicale, che prevede diverse forme di esplorazione, dalla sperimentazione di varie combinazioni gesti-suono a giochi sonori per favorire l'interazione tra i partecipanti. Durante il percorso saranno inoltre costruiti degli oggetti sonori, realizzati prevalentemente con materiali di riciclo. Possono essere previsti, in base alle attitudini dei partecipanti, un corso base per chitarra e la creazione di basi musicali e testi di canzoni inedite;
  • laboratorio di bricolage e riciclo creativo, in particolare costruzione di presepi, diorami e mosaici utilizzando la pixel art. Attraverso questa attività gli scarti diventano risorsa, consentendo ai partecipanti di esprimere le proprie potenzialità creative sperimentare un'esperienza aggregativa nuova e stimolante.